Questa è una storia antica:

per raccontarla fedelmente bisognerà fare un tuffo nel passato fino al lontano 1939.
A quel tempo il Podere non esisteva come lo conosciamo oggi, era soltanto una casa di campagna di proprietà di una famiglia di commercianti di ortofrutta, fra i primi che hanno fatto import export ancor prima della seconda guerra mondiale.

La famiglia della nonna di Federica, Anna, era infatti commercianti e avevano un negozio di frutta e verdura in via Clavature a Bolgogna. In seguito si trasferirono presso il Mercato Ortofrutticolo dove ottennero un giro di affari importante.

Tutti e 3 i figli maschi si danno al Mercato Ortofrutticolo mentre la nonna di Federica era l’unica figlia femmina e per una serie di circostanze, sposa uno dei venditori che lavorava nell’azienda di suo padre.

Quello che ora è il Podere San Giuliano è stata l’àncora di salvezza della famiglia Adani durante la seconda guerra mondiale. Si sono succedute tutte le pratiche agronomiche del tempo e la famiglia mangiava sempre pane bianco, perché produceva grano, mangiava carne e beveva latte fresco. Cosa assai rara. Alla morte dei genitori il Podere rimane alla nonna Anna Maria ed è per questo che, di generazione in generazione, si tramanda l’amore per questo luogo.

Rappresenta la vita, il punto di partenza per grandi successi e grandi progetti.

Nel 1986 il nonno di Federica muore per una brutta malattia della professione agricola degli anni ‘80 e la nonna insieme alla madre di Federica prendono le redini dell’azienda. Fu un periodo difficile: per cercare di mantenere la situazione stabile si cominciarono a vendere addirittura alcuni macchinari per lavorare la terra.

Nel 1996 la madre di Federica le affida l’azienda agricola per salvare la proprietà: vengono fatti i primi lavori di restauro per mettere a norma la cucina e il ristorante.

Nasce ufficialmente nel 2000 il Podere San Giuliano.

20 anni di storia

2000

NASCE L’AZIENDA

Azienda Agricola Podere San Giuliano di Frattini Federica

AGRICOLA + FATTORIA + DIDATTICA

2001

IL PRIMO DIPENDENTE

Assumiamo il primo dipendente Luca Brango, ex tossicodipendente

AGRICOLA + FATTORIA DIDATTICA
NASCE L’AZIENDA INCLUSIVA

2002

APERTURA RISTORANTE

Apertura Ristorante menù fisso uguale per tutti

AZIENDA AGRICOLA + FD + RISTORANTE GESTIONE INTEGRALMENTE FAMILIARE

2003

COLLABORAZIONI e PIC NIC WEDDING

Nasce la collaborazione con USL, il Carcere Minorile.
Apertura camere. Assumiamo Halyna ucraina, Nicola Moldavia, marina addetta alle pulizie.
Andrea entra a tempo pieno in azienda.
Nasce l’idea del Pic Nic Wedding.

2004

PRIMO CORSO

Primo Corso di Sfoglia per gruppi tutti che lavorano a Bologna.
Iniziamo a fare Jazz in campagna, rassegna che si concluderà nel 2008.

2006

NASCE GABRIELE

Federica esce dalla cucina per allargare la famiglia: nasce Gabriele.

2007

ARRIVA VITTORIA

Vera prima svolta in cucina arriva Vittoria, si passa al menù alla carte.
I Corsi di Cucina coinvolgono turisti dagli USA.

2008

NASCE TOMMASO

Nasce il secondogenito Tommaso.
Iniziamo l’aperitivo in campagna.

2010

DA FRUTTETO A ORTO

L’azienda agricola cambia da Frutteto a Orto.

2011

NUOVA IMMAGINE

Cambio immagine coordinata: iniziamo a comunicare!

2012

PIC NIC

Iniziamo a proporre con successo il Pic Nic Wedding. Siamo tra i primi in Italia insieme a Villa Pamphili a Roma.

2013

ORTO DELLO CHEF

Nasce Orto dello Chef, facciamo cucina gourmet.
Si concretizza l’identità del Podere: piantare ciò che serve per il Ristorante, l’ortaggio al centro nella propria proposta ristorativa.
www.ortodellochef.it

2015

ERASMUS

Entriamo nel circuito Erasmus + Cucina e Campagna.

2016

CERTIFICAZIONE BIO

1) Entriamo in Chef to Chef. 2) I Clienti del progetto Orto dello Chef sono 9 tra i migliori ristoranti di Bologna. 3) Assumiamo Stuart Russel Brown anima che ci porta verso la certificazione BIO. 4) Conosciamo e collaboriamo con Simone Salvini. 5) Siamo coinvolti da Alce Nero Spa per selezionare sementi di grani antichi che fanno bene alla salute. 6) Arriva Erysa Hoday albanese in cucina. 7) Si conferma la necessità di comunicare anche attraverso i piatti preparati, quanto sia duro, incerto e fatico il lavoro in campagna. 8) Iniziamo ad accogliere Workaway da tutto il mondo.

2017

AGRICOLTURA RIGENERATIVA

1) Acquistiamo un furgone completamente elettrico. 2) Passiamo completamente a agricoltura rigenerativa. 3) Inizia il progetto di collaborazione con la produzione di grano per il Forno Calzolari. 4) Venivano invitati al Mangirò. 5) Per non inquinare più le acque, abbattere il consumo di corrente elettrica ed eliminare i detersivi acquistiamo lavastoviglie e lavabicchieri accoppiate ad un generatore di ozono.

2018

CARCIOFO VIOLETTO

Creazione di un presidio Slow Food del carciofo violetto di San Luca.

2019

ECOLOGIA e TECNOLOGIA

Siamo un’azienda inclusiva, ecologica, tecnologica.
Crediamo nel benessere della filiera.